Cinema estivo al Cabannun: Capitan Mutanda, Albanese e un thriller americano

Comune di Campomorone

Ancora una settimana di cinema estivo a Campomorone, presso il Cabannun nei giardini Dossetti.
 
Mercoledì 1 agosto
Capitan Mutanda
 
Basato sullo scalmanato personaggio ideato da Dav Pilkey negli anni novanta, Capitan Mutanda è il supereroe del quotidiano che mancava nel vasto panorama animato e non. Grassoccio, inetto, irrimediabilmente tonto, non perde mai l'esuberanza e il portamento snodato e disinvolto con cui affronta le sfide e i nemici immaginari. Ma il Signor Grugno (Ed Helms nella versione originale), l'alter ego del paladino in mutandoni bianchi, non è sempre stato così...
George Beard (Kevin Hart) e Harold Hutchins, età 10 anni, vengono convocati nell'ufficio del preside con l'accusa di "amicizia a delinquere". Agli occhi dei due piccoli scavezzacollo, il direttore dell'istituto appare come un adulto isterico e noioso che, ossessionato dal dovere di applicare il rigido regolamento scolastico, ha dichiarato guerra alle risate e al divertimento. Ed è un problema visto che George e Harold, mini furfanti, hanno invece sposato la missione di ravvivare l'ambiente scolastico combinando uno scherzo dietro l'altro, dalle classiche bombe di vernice alle inedite tigri in corridoio. I due nemici naturali si scontrano in presidenza in una battaglia all'ultima nota di demerito, dalla quale, grazie a uno stratagemma ben congegnato, escono vittoriosi i due ragazzini: George usa il suo anello 3D per ipnotizzare l'insegnante e trasformarlo nell'eroe dei fumetti inventati da loro. Capitan Mutanda si sbarazza dell'inutile parrucchino, si avvolge nella tenda rossa e si fionda in strada verso incredibili, deliranti avventure.
 
Sabato 4 agosto
Contromano
 
Contromano, il film diretto da Antonio Albanese, vede protagonista Mario Cavallaro (Albanese), cinquantenne milanese preciso e abitudinario: si sveglia tutte le mattine nello stesso modo, nella stessa casa, nello stesso quartiere, nella stessa città, beve lo stesso caffè nello stesso bar e apre il suo negozio senza mai tardare di un solo minuto. È questo, per lui, il bello della vita: le cose che non cambiano, che rimangono uguali, le abitudini. Una routine prestabilita e rassicurante che lui non ha alcuna intenzione di cambiare. L'ordine, la precisione, la puntualità, il rispetto, il decoro, la voce bassa, lo stare ognuno al proprio posto sono i valori cardine della vita di Mario, convinto che il segreto di una società civile sia il rispetto della disciplina. 
La monotona vita di Mario si divide tra i suoi due luoghi del cuore: il suo prestigioso negozio di calze, ereditato dal padre, e il terrazzo di casa dove coltiva un orto, unica passione che si concede. Terrorizzato al solo pensiero di apportare dei cambiamenti alla propria vita, è facile capire il suo sgomento quando viene a sapere che il suo vecchio bar di fiducia, dove beve sempre lo stesso marocchino dallo stesso inconfondibile sapore, sta per essere venduto a un egiziano, all'"egiziano del kebab", e, come se non bastasse, davanti al suo negozio si piazza Oba (Alex Fondja), un giovane senegalese venditore ambulante di calzini, che inizia a minacciare l'attività di Mario con le sue offerte altamente concorrenziali. Ma quel che è troppo è troppo, e decide di agire per "rimettere le cose a posto". Così escogita un piano semplice quanto folle: decide di rapire Oba e riportarlo a casa sua. 
Un viaggio Milano-Senegal di solo andata. Anzi, la reputa un'idea geniale: se tutti lo facessero, riportandoli in patria uno a uno, il problema dell'immigrazione sarebbe risolto. Il film prende così la piega di un paradossale on the road, che si complicherà ulteriormente con l'entrata in scena di un terzo personaggio che, se possibile, rende ancora più assurda la situazione in macchina. Oba acconsente alla sua "deportazione" solo a una condizione: Mario deve riaccompagnare a casa anche la sorella di lui, Dalida (Aude Legastelois). Fin qui tutto bene, se non fosse che Mario, non appena vede la bellissima ragazza, se ne innamora perdutamente. E anche Oba e Dalida sembrano non raccontarla giusta sulla loro parentela... Sarà l'inizio di una serie di guai seri e rocamboleschi o di una nuova, assurda armonia?
 
Domenica 5 agosto
Tre manifesti a Ebbing, Missouri
 
Tre Manifesti a Ebbing, Missouri segue le tragicomiche vicende di una madre in cerca di giustizia per la figlia, che ingaggia una lotta contro un disordinato branco di poliziotti pigri e incompetenti. Dopo mesi trascorsi senza passi in avanti nelle indagini sull'omicidio di sua figlia, Mildred Hayes (Frances McDormand) decide di prendere in mano la situazione e "rimbeccare" le indolenti forze dell'ordine. Sulla strada che porta in città, la madre furente noleggia tre grandi cartelloni pubblicitari sui quali piazza una serie di messaggi polemici e controversi, rivolti al capo della polizia William Willoughby (Woody Harrelson). Lo stimato sceriffo di Ebbing prova a far ragionare la donna, ma quando viene coinvolto anche il vice Dixon (Sam Rockwell), uomo immaturo dal temperamento violento e aggressivo, la campagna personale di Mildred si trasforma in una battaglia senza esclusione di colpi, calci, schiaffi, morsi, insulti e frasi scurrili. 
 
 
Prezzo di ingresso: intero 6 euro, ridotto (sopra i 65 e sotto i 14) 5 euro, abbonamento a 6 spettacoli 25 euro.
Gli spettacoli inizieranno alle ore 21.30 nel mese di luglio e alle ore 21.10 nei mesi di agosto e settembre.
Il programma potrebbe subire variazioni indipendenti dalla volontà degli organizzatori.   





















La Polcevera - Via degli Orefici 9/10 16123 Genova - P.Iva 03692830106 - Cod. Fisc TRVTTV61P10D969L
A cura di Elisa Zanolli e Ottavio Traverso  -  Informativa sui cookie