Ventunesima edizione per Obiettivo sul Mondo a Pontedecimo

eventi

Aggiornamento 24/02/2020
La serata del 28 febbraio con  Renata Andolfi è rimandata al 20 marzo, in quanto la sala è parrocchiale e la curia cosi ha ordinato.
Al momento gli eventi del 5 marzo e del 13 marzo restano confermate.

Tutto pronto per l’annuale appuntamento con “Obiettivo sul Mondo”, la rassegna di proiezioni per immagini fisse riguardante i viaggi attorno al mondo che, nella sua ventunesima edizione, ospita viaggiatori avventurosi ed alcuni tra i migliori reporters fotografi di viaggio operanti in Italia.

Sempre nella sede del Teatro San Luigi di Pontedecimo e sempre articolata su quattro serate, supportata da numerosi esercizi commerciali della delegazione, dal Municipio 5º Valpolcevera, e realizzata con l’aiuto di tanti amici che con il loro magari piccolo ma prezioso contributo ogni anno fanno si che questo simpatico, atteso ed unico appuntamento per la citta’ di Genova vada in onda.
 
Aprirà le nostre serate, venerdì 21 febbraio alle ore21, con un viaggio finalmente dedicato all’ambiente marino Emilio Mancuso,(www.verdeacqua.eu) istruttore subacqueo, guida ambientale, responsabile delle spedizioni sulla biologia marina per WWF Travel, che presenterà: ”Un sogno blu attraverso il Mar Rosso” viaggio fotografico da Ras Mohammed a Djibouti, dai fondali dell’Arabia Saudita a quelli egiziani che hanno reso questo mare uno dei più famosi al mondo per la subacquea. Animali e panorami sommersi di quello che Jacques Cousteau ribattezzò “Il corridoio delle meraviglie”.

Il secondo appuntamento, fissato per venerdì 28 febbraio alle ore 21 sarà con la cicloviaggiatrice Renata Andolfi, con: “Himalaya indiano, la terra delle preghiere nel vento”, una pedalata nell’estremo nord dell’India ai confini di Pakistan e Cina, una avventura di 1200 km tra i 2000 ed i 5360 m di quota. Dalla regione del Kullu al deserto di alta quota della Spiti Valley alla magia del Chandra Tal, il lago della Luna.
Su e giù per la mitica Manali-Leh valicando i 5059 m del Lachulung Pass, il Lago Kahr ed il Lago Tso Moriri. La vita con i pastori, la magia dei monasteri buddhisti ed infina la Valle dell’Indo e l’ascesa del Kardung La a 5360 m. Un viaggio oltre il viaggio.

Terza puntata, giovedì 5 marzo alle ore 21 con un grande della multivisione italiana, Roberto Tibaldi, (www.immaginare.it) che manderà sullo schermo: “La terra che guarda le stelle”,che narra del viaggio attraverso Pakistan, Afghanistan, Tajikistan e Cina di Valter Perlino e Sebastiano Audisio. Oltre 1000 km di sterrati in bicicletta sulla antica Via della Seta là dove il tempo si è fermato. Un viaggio per remoti luoghi di etnie wakhi, balti, hunza e tajike, attraversando ghiacciai e catene montuose isolate nel cuore pulsante del Karakhorum e dell’Hindu Kush. L’altopiano del Deosai, la visione del Nanga Parbat, le Karakhorum e Pamir Highways, i Khunjerab e Kulma Pass e le salite scialpinistiche del Muztagh Ata, 7156 m. e del Mingling San, 6030 m. Una avventura meravigliosa, ovvero quando la meta è il viaggio stesso!

Serata di chiusura venerdì 13 marzo alle ore 21 con uno dei viaggi-romanzo della beat generation, il coast-to-coast americano e cicloturistico sulla Route 66 che ci verrà narrato da Rita Sozzi e Pierluigi Mondani.(volpeapedali.blogsport.com) dal titolo,“Un sogno americano”. Da San Francisco a New York, 6600 km tra paesaggi da set cinematografici e orizzonti sconfinati sull’inversa rotta dei pionieri a scoprire la società, la storia, e la cultura americana. Dal Golden Gate al Deserto di Mojave, dalle falesie del Grand Canyon del Colorado alla Monument Valley, la scalata delle Rocky Mountains per il Wolf Creek Pass e le praterie del Kansas, le ciclabili sulle antiche ferrovie lungo il Missouri, i campi di battaglia della Pennsylvania, fino alle città in cui si è scritta la storia, Philadelphia, Washington e la meta finale, New York. 
 
Amanti dei viaggi, della fotografia, dell’avventura e dei colori del mondo non perdetevi questo appuntamento che ogni anno porta a Genova gente comune che di queste passioni ha fatto un modo di vivere e di condividere con altri fuori dal comune.
 
   















La Polcevera - Via degli Orefici 9/10 16123 Genova - P.Iva 03692830106 - Cod. Fisc TRVTTV61P10D969L
A cura di Elisa Zanolli e Ottavio Traverso  -  Informativa sui cookie