Dopo il 25 aprile 1945: Campomorone e il ritorno alla “normalità", la mostra al Cabannun

Comune di Campomorone

 
Dopo il 25 aprile 1945: Campomorone e il ritorno alla “normalità” è il titolo della mostra fotografica e documentaria che ha inaugurato ieri, 25 aprile, al Cabannun di Campomorone.
 
La mostra si divide in due grandi sezioni.
La prima parte introduce storicamente la guerra di Liberazione, la Resistenza in Liguria e a Campomorone.
La seconda parte offre un panorama delle condizioni di vita nell’immediato dopoguerra degli abitanti di un territorio che si è trovato a ridosso della guerra partigiana e delle risposte date dalle istituzioni alle esigenze della popolazione civile.
 
In particolare:
- 1 Le ricostruzioni storiche dei fatti accaduti/ Le disposizioni del CLN per la composizione della Giunta comunale 
- 2 Le necessità di cibo e di mezzi della popolazione e gli aiuti economici 
- 3 Le esequie dei Martiri della Liberazione e i documenti che riguardano le commemorazioni degli eccidi 
- 4 La nuova toponomastica del Comune in relazione agli episodi della Resistenza 
- 5 Gli indennizzi a favore della popolazione in seguito alla requisizione di apparecchi radio 
- 6 I giudizi e le dichiarazioni sui patrioti e sui partigiani del territorio 
- 7 La costruzione e l’inaugurazione del Sacrario ai Martiri nel Cimitero di Campomorone 
- 8 Gli edifici requisiti al partito fascista e riutilizzati 
- 9 Le sanzioni contro i fascisti e la cancellazione dalle liste elettorali 
- 10 Una nota autografa di Mario Zino di richiesta notizie sulla morte di due carabinieri 
- 11 I mobili e gli edifici sequestrati al comandante Tenebre 
- 12 I sussidi ai richiamati, agli internati e ai lavoratori partiti per la Germania 
- 13 La costruzione di un rifugio antiaereo: istruzioni della Prefettura 
- 14 Umberto Mantellato e i ricordi della famiglia 
 
Il percorso si snoda attraverso i documenti e i materiali iconografici conservati dalla signora Emmarosa Parodi figlia di Giovanni Mario, dalla signora Maria Mantellato figlia di Umberto, dal compianto Dante Ghezzi, il partigiano Pietro, dalle famiglie Campora, Noli e Rebora e di una raccolta di atti contenuti nell’archivio comunale di Campomorone. 
 
La “microstoria” che ci proponiamo di raccontare costituisce pertanto una conferma dell’importanza dei documenti e delle fonti materiali per l’illustrazione delle vicende che hanno segnato il nostro passato e dato un’impronta importante al nostro presente e al nostro futuro. 
 

Visita su prenotazione
Tel 0107224314  
    video  -  Dopo il 25 aprile 1945: Campomorone e il ritorno alla “normalità"


Video


Dopo il 25 aprile 1945: Campomorone e il ritorno alla “normalità"














La Polcevera - Via degli Orefici 9/10 16123 Genova - P.Iva 03692830106 - Cod. Fisc TRVTTV61P10D969L
A cura di Elisa Zanolli e Ottavio Traverso  -  Informativa sui cookie